Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Vino

with 8 comments

barbera e champagne, stasera beviam
per colpa del mio amor, pa ra pa pa
per colpa del tuo amor, pa ra pa pa.

alcune nuove teorie psicoanalitiche hanno chiaramente dimostrato che chi ama il vino, anche se non si tratta di un profondo conoscitore o intenditore della materia, è una persona certamente aperta al dialogo, alla comunicazione, al piacere e alla complicità.
infatti quasi sempre tra chi dona una bottiglia di vino ed il destinatario del regalo si instaura una nuova profonda forma di comunicazione che l’inconscio di entrambe le parti recepisce ed elabora, ed è per questo che sono fermamente convinto che regalare una buona bottiglia di vino equivalga a più di mille parole, soprattutto come idea regalo natalizia, e che possa essere un ottimo sistema per comunicare, per esprimere i propri sogni e desideri.
certo molto dipende dal tipo di vino che viene donato. regalare un chianti classico, così asciutto, armonico, potrebbe significare “lasciati andare, liberati, esagera”, sarebbe un dono che rimarca un eccessiva razionalità, quasi una frenata fantasia e un’esagerata inibizione della persona a cui è destinato.
per comunicare amicizia profonda, cameratismo e voglia di libertà e divertimento insieme, certamente una grande barbera, magari invecchiata in barrique, così piena di corpo, tannica, e i suoi sentori di vaniglia e spezie.
una serata di conversazioni profonde, serie e culturali necessiterebbe in regalo un fantastico vin santo, dolce, meditativo, con il suo profumo ammaliante, da degustare lentamente, a lungo.
se invece volessi essere più diretto, più sfrontato dicendo un bel “ti desidero, mi piaci, ti voglio”, allora ci vorrebbe proprio un ottimo barbaresco, un vino robusto, carnoso, vellutato ed armonico, così sensuale ed appagante al palato, con quel profumo intenso e fruttato che è sinonimo dell’abbandonarsi a lascivi piaceri.
se invece volessi abbandonarmi completamente tra le sue braccia dicendo semplicemente “sono tuo, fai di me ciò che desideri” dovrei proprio optare per un grande moscato di pantelleria, dolce, intenso, persistente, con quei deliziosi, appaganti sentori di miele e frutta. ma l’importante è che siano sempre bottiglie di ottima qualità…
la vita è troppo breve per bere del vino cattivo…

Annunci

Written by Michele

17 dicembre 2012 a 10:51

Pubblicato su Senza categoria

Tagged with , ,

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. giusto il vino deve essere sempre ottimo, è un mast !!!
    se è ottimo l’atmosfera si crea….e dopo non ti svegli con un terribile mal di testa…
    Complimenti bello il post, da vero intenditore!

    Pandora

    22 dicembre 2012 at 00:07

    • Grazie. Eh il vino è un piacere. E poi gola è il mio secondo peccato preferito 😉

      Michele

      22 dicembre 2012 at 00:09

      • eh mi sembra giusto, sennò non saresti un vero “godereccio” 🙂

        Pandora

        22 dicembre 2012 at 00:11

  2. Quasi astemia. Che culo! 😦

    buonaventurablog

    17 dicembre 2012 at 13:04


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: