Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Il Ritorno del Batacchio

with 6 comments

non va più via l’odore del sesso che hai addosso
si attacca qui all’amore che posso che io posso
e ci siamo mischiati la pelle le anime le ossa
ed appena finito ognuno ha ripreso le sue

Visto il successo della prima puntata dei  dialoghi del batacchio, non potevo esimervi dal proporvi la seconda parte, ecco dunque a voi: Dialoghi del Batacchio 2, il ritorno del Batacchio.

– che barba che noia.. Che noia che barba…

– ma che hai da lamentarti sempre? Mi sembri la Mondaini.

– che noia.. Sempre io e te, te ed io…

– continui? Ma pensi di essere spiritoso?

– altro che spiritoso, questa è la dura realtà, e mica parlo di duro a caso

– bravo, anche volgare ora!

– io non sono volgare, è che mi disegnano così.

– cos’è? Hai fatto un corso di comicità da Neil Simon? Fatti rimborsare.

– sì! Fai presto a parlare tu, tu ti diverti sempre, il calcetto con gli amici, facebook, la scrittura dei racconti, il blog, le cene e le bevute… E io? A ben pochi piaceri son riservato.

– ma ti lamenti sempre? Mai contento, mai. Sei stufoso.

– più che altro sono stufo! Suvvia, fai qualcosa, andiamo in un posto dove ci sia della bella passerina!

– ecco, con l’imitazione di  Andrea Roncato le ho sentite tutte.

– no, non hai ancora sentito come faccio Vasco: voglio una topa, esagerata, voglio una topa come quelle dei fiiiiiiilm

– ma sei monomaniaco proprio, ma che penseranno i lettori di te?

– io spero mi pensi qualche lettrice, e che i pensieri siano molto, molto peccaminosi.

– basta, sei inguaribilmente senza speranza.

– no, no, la speranza ce l’ho, spero prima o poi di divertirmi.

– meriteresti di andare a lavorare, ma in miniera, o nei campi così vedi.

– se è per quello io seguo sempre la legge del contadino.

– legge del contadino? E sarebbe?

– non è la misura del trattore che conta, ma quanto tempo trascorri ad arare il campo…

(continua)

 

Advertisements

Written by Michele

8 febbraio 2013 a 13:37

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Faccio la mondaini e mi ripeto (invece di che barba che noi) che spasso che sei, già lìho detto sei un mito. Nelle ultime batutte mi hai fatto pensare ai nani….il contadino ara, i minatori scoprono gemme e lì bisogna lavorare sul profondo.

    fulvialuna1

    8 febbraio 2013 at 17:16

    • Haahhaha grazie grazie. Sempre troppo gentile 🙂
      Ma mi fa molto piacere che ciò che scribacchio ti diverta.
      In effetti per le gemme più preziose occorre sempre andare in profondità 😉

      Michele

      8 febbraio 2013 at 17:33

  2. L’imitazione di Vasco Rossi, hahahahah 😀

    Emily

    8 febbraio 2013 at 15:59

    • Eh quella è una chicca. Ho sempre amato modificare in modo ironico le canzoni 🙂

      Michele

      8 febbraio 2013 at 16:00

  3. Ahahah,
    passerò per squinternata,
    ma parteggio per Lui….
    porello….

    Ciao Michele

    fakebadgirl

    8 febbraio 2013 at 15:34

    • Hahaha beh Lui è molto contento di avere delle fans ahhaha

      Michele

      8 febbraio 2013 at 15:37


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: