Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Acrobata

with 17 comments

Amore che devo inventare
io come i bambini e gli acrobati a terra un mio senno non ho
ma il cuore mi spinge a rischiare
e su questo trapezio che passa ogni sera e non torna mai più
e che tenerezza afferrarti le mani, portarti nel blu
e non scendere più

Ho sempre avuto una passione per gli acrobati, per chi vola in alto, su vertiginosi trapezi sfidando le leggi della natura e gravità.
In realtà il circo non mi è mai piaciuto, nemmeno da bambino, eppure ai miei tempi (cavolo mi sembra di essere mio nonno quando parlo così) era ancora diffuso, e ci si andava almeno un paio di volte l’anno.
Eppure i vari esercizi con gli animali li ho sempre trovati noiosi, e decisamente squallidi, oltre tutto mi hanno sempre fatto una pena infinita le bestie del circo, ancora più di quelle nei giardini zoologici.
Per non parlare dei clown, che ho sempre trovato di un triste al limite della commozione, ricordo ancora un tristissimo film con Jerry Lewis (non ricordo il titolo) in cui interpretava un clown insopportabile a fine carriera.
Però ad un certo punto arrivavano i trapezisti, e io, bambino non riuscivo a staccare gli occhi dai volteggi lassù, a volte persino senza la rete di protezione, e pensavo che fossero immensamente coraggiosi e abili.
Perché chi non vorrebbe librarsi in alto, sfidare così tutto, la vita stessa in fondo e volare, anche solo per pochi istanti, è vero che il senno si ha in realtà solo nei momenti in cui si rischia, anche tutto pur di essere felici, pur di vivere intensamente, sentirsi vivi interiormente, e per questo io voglio restare aggrappato lassù, a questo trapezio, afferrarti così le mani, stringerle tra le mie e portarti con me nel blu, nel cielo infinito.
Oltre, decisamente oltre.
E davvero non scendere più.
E poi, certo, al circo c’erano anche i mangiatori di spade ad esercitare su di me un certo fascino, almeno finché non ho scoperto il loro trucco:
Per non ferirsi quando inghiottono la spada…
Prima inghiottono il fodero…

Advertisements

Written by Michele

26 marzo 2013 a 14:06

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , ,

17 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Odio il circo perchè sfruttano vergognosamente gli animali ,e i trapezisti non mi sono mai piaciuti perchè io ho la fobia dell’altezza e del vuoto ( tutta invidia lo so ) :mrgreen:

    liù

    27 marzo 2013 at 07:22

    • Già vero. Da abolire gli animali al circo.
      Certo dev’essere tremenda la fobia del Vuoto.

      Michele

      27 marzo 2013 at 08:22

  2. Ho sempre adorato il circo, con gli annessi e i connessi… e tutt’ora lo guardo con infantile entusiasmo …..
    Ma anche tu sei un acrobata: con le tue parole volteggi abilmente da un argomento all’altro, i tuoi ragionamenti son capriole a volte ardite, che mi spingono sempre a rileggerti per comprenderti… e talvolta casco malamente….. Ma tant’è….. adoro imparare cose nuove.
    Ciao 🙂

    fake bad girl

    26 marzo 2013 at 18:38

    • ahhaah grazie grazie 🙂
      mai smettere di imparare cose nuove
      ciao ciao

      Michele

      26 marzo 2013 at 18:52

  3. Questo è circo!!!!

    itacchiaspillo

    26 marzo 2013 at 17:03

  4. Penso che i trapezisti abbiano affascinato un po’ tutti noi bambini, al contrario del resto, e ancora sono quelli che vedo volentieri, magari solo in televisione o su youtube 😉

    Diemme

    26 marzo 2013 at 16:29

    • già, in fondo quel pizzico di rischio ha sempre un certo fascino 🙂

      Michele

      26 marzo 2013 at 16:37

  5. Io odiavo il circo invece da bambina, gli animali non mi interessavano, i pagliacci mi spaventavano e i trapezisti mi annoiavano. Ero pallosetta anche da bambina

    Calipso la Liberidea

    26 marzo 2013 at 16:28

    • ahahah beh in effetti il circo non è mai stato sto grandioso spettacolo 😉
      però qualcosa nella sua triste maestosità mi affascinava

      Michele

      26 marzo 2013 at 16:37

  6. Però mica facile neanche inghiottire il fodero!

    Jeanie Pooh

    26 marzo 2013 at 16:09

  7. Nei “giochi” c’è sempre un trucco…e c’è anche chi finge di non conoscerlo, ma lo ha scoperto … 😉

    ludmillarte

    26 marzo 2013 at 14:17

    • hahaah già, sempre, nonostante quello io continuo ad adorare giocare 🙂

      Michele

      26 marzo 2013 at 14:19

      • e certo!mai smettere

        ludmillarte

        26 marzo 2013 at 14:22

  8. Io odio il circo. Cado in catalessi se mi minacciano di portarmici. E’ una tecnica di sopravvivenza a tutta quella noia. E poi da piccola sono rimasta traumatizzata dai mangiafuoco. Mi inquietano ancora adesso eppure di tempo ne è passato un bel pò…

    prigioniera_del_deserto

    26 marzo 2013 at 14:16

    • ah ora lo odio pure io, il mangiafuoco? pensa che a me quello non ha mai fatto impressione, più ridere 🙂
      ma credo che il circo abbia traumatizzato per varie ragioni schiere di bambini nel passato

      Michele

      26 marzo 2013 at 14:18


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: