Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Apatia!

with 24 comments

Mare mare mare voglio annegare
portami lontano a naufragare
via via via da queste sponde
portami lontano sulle onde.

Ieri è stata una di quelle giornate in cui sono stato preda di un forte senso di apatia.
Finisci per restare solo sul divano, davanti alla tv, anche se non interessa nulla quello che vedi, e ci passi la serata, senza voglia di fare nulla, solo di farla passare, e speri in effetti che passi veloce. Nel frattempo una piccola voce, un tarlo dentro di te urla, anzi peggio, sussurra piano (ma è forte come un grido) che un altro giorno sfugge, passa, e senti la vocina che ripete incessante.
Un giorno in meno, un giorno in meno.
E cerco di zittirla pensando ad altro, cambiando ripetutamente canale, ma è sempre lì il tarlo, in agguato, con il suo tremendo messaggio.
Un giorno in meno, un giorno in meno.
Finché finalmente me ne sono andato a letto. Ma il buio e il silenzio rendono la vocina ancora più forte e rimbombante poi finalmente passa la mezzanotte e il giorno è davvero andato. Così cerco di dormire, e magari iniziare un sogno da sveglio, sperando poi che (come mi capita a volte) continui poi nel passaggio al sonno.
Ed è così che mi ritrovo su una bianca spiaggia, probabilmente tropicale, mentre il sole lascia il posto all’oscurità, e resta solo un ombra arancio in fondo all’orizzonte, sul mare. Ho in mano due lunghi bicchieri, freddi, e il ghiaccio all’interno crea brina sul vetro, e piccole gocce di condensa che scivolano tra le mie mani, mentre il profumo della menta fresca e del rum invecchiato sale dal loro interno.
Io mi avvicino a lei (c’è sempre una lei nei sogni indotti), bellissima in questa penombra, seminuda e sdraiata su un bianco asciugamano sulla spiaggia, le porgo il suo bicchiere baciandola, e poi, forse mi addormento, ma la musica in sottofondo resta lievemente disturbata da un flebile insopprimibile fruscio.
“un giorno di meno,un giorno di meno”.
E oggi la solita battuta finale non mi viene proprio, anche se non fa poi molta differenza, qualcuno mi ha detto che alla fine delle mie battute non resta niente… Ma in fondo ci si ricorda forse una battuta, una sola che so, di Charlie Chaplin, o anche di Buster Keaton?

 

Annunci

Written by Michele

22 aprile 2013 a 15:07

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , , ,

24 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Una giornata di nulla totale ogni tanto ci sta dai! se ne ha bisogno per ricarere le pile ai pensieri e i sensi di colpa si possono anche lasciar fuori e pace ^____^

    luceombra76

    24 aprile 2013 at 15:26

    • Si vero. Ogni tanto ci sta. L’importante è che non capiti troppo spesso 😉

      Michele

      24 aprile 2013 at 15:27

  2. Chi ha detto che la battuta non resta? Resta, resta..E anche se fosse? Tu resti sempre.

    fulvialuna1

    23 aprile 2013 at 22:15

  3. Quoto! sarà la primavera, che dici? baciozzi

    La Rockeuse

    23 aprile 2013 at 18:04

    • Già probabile. Mi. Serve qualche giorno di amena vacanza mi sa 🙂
      Baciozzi a te

      Michele

      23 aprile 2013 at 18:14

  4. Pensa a cosa senti che potrebbe farti bene e pensa come raggiungerlo..

    (al_nick_ci_penserò!)

    22 aprile 2013 at 22:04

  5. Guardi forse troppi film americani di incontri esotici in spiagge lontane? Smettila di sognare! O te ne vai in uno di questi posti e te la vai a trovare una così oppure esci fuori e ti guardi in giro. Il tempo passa e forse ciò che cerchi lontano poi è così vicina a te che nemmeno la scorgi perchè sei intento a sognare 😛

    amleta

    22 aprile 2013 at 17:45

    • Hahaha vero vero. Che vuoi farci io sono un sognatore da competizione. Ma guardo anche tutto 😉

      Michele

      22 aprile 2013 at 17:47

      • scusami, sono fatti tuoi, il mio consiglio era spassionato, perchè questi momenti anche io li ho passati e so come si sta, anche se io non immaginavo lidi esotici ma Londra.

        amleta

        22 aprile 2013 at 17:49

        • Eh si si capisco. È apprezzo molto. Capita spesso di immaginare troppo. L’importante è non perdere di vista la realtà 🙂

          Michele

          22 aprile 2013 at 17:51

  6. proprio vero, pensavo fosse solo una mia difficoltà quella di non ricordare le battute (e quanto mi ci arrabbio e mi scervello!), però mi ricordo chi ne dice/scrive di belle questo sì. riguardo l’antipatica apatia in genere precede periodi rigogliosi… 😉

    ludmillarte

    22 aprile 2013 at 17:28

    • Haah speriamo allora che il periodo rigoglioso sia dietro l’angolo 😉

      Michele

      22 aprile 2013 at 17:29

  7. L’intro di Battiato non poteva lasciarmi in silenzio…

    conunpocodizucchero

    22 aprile 2013 at 16:18

  8. E’ una delle cose più brutte in realtà l’apatia, non ti consente di fare niente e può farti scivolare velocemente in uno stato di staticità non dissimile dalla morte

    Calipso la Liberidea

    22 aprile 2013 at 16:17

  9. Non ricordo alcuna battuta di questi due grandi…però ricorderò questa tua giornata apatica come un giorno in meno.

    Anche se non è mica detto…il riposo tempra e fa vivere, a volte, un giorno o due in più ..!

    ciao
    .marta

    tramedipensieri

    22 aprile 2013 at 15:43

    • Hahaha già. Ogni tanto ci vuole in effetti 🙂
      Ciao ciao

      Michele

      22 aprile 2013 at 15:44


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: