Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Salsapariglia!

with 32 comments

Penso che un sogno così non ritorni mai più
Mi dipingevo le mani e la faccia di blu

Salsapariglia!
Ho sognato la salsapariglia, e naturalmente di trovarmi ospite nel villaggio dei puffi durante una lauta cena di festeggiamenti.
Immagino che per molti (quasi tutti?) i lettori la salsapariglia sia qualcosa di totalmente sconosciuto, ma si tratta dell’originale unico alimento dei puffi, così com’erano stati creati in orgine (è una specie di foglia), ricordo ancora i primi fumetti di peyo, pubblicati in Italia mi pare negli albi ardimento (dove c’erano anche le mitiche storie del pilota di rally michel vaillant),.
I primi puffi, che si chiamavano in originale schtroumpft, apparvero come personaggi di contorno in alcune storie a fumetti di ambientazione medieval-fantasy, con protagonista un giovane cavaliere, Gianni (da notare la fantasia dei traduttori di allora) e il suo inseparabile piccolo scudiero Pirulli (e qui sulla traduzione non commenterei nemmeno), che appunto si imbattono un giorno nella foresta nel villaggio dei puffi (e da qui verrà tratto il primo lungometraggio animato sui puffi, il flauto a 6 puffe, che è un film troppo divertente), naturalmente i puffi di allora erano immensamente più piacevoli e divertenti degli orrori dei cartoni animati poi giunti in televisione.
Prevenendo eventuali illazioni, non avevo bevuto troppo ne mangiato pesante a cena (giusto salsicce affumicate alla griglia con patatine e crauti e un tris di Weizenbiere medie), però è certo che un sogno così era parecchio che mi mancava.
E mi è pure rimasta una gran voglia di salsapariglia.
Così vi puffo un augurio di buon puffoso pomeriggio, e mille puffi a tutti.
Certo resta da chiedermi, ma se fossi stato un puffo, che puffo avrei mai potuto essere?
Vista la scarsità quasi totale di puffe femmine, mi sa che avrei ripiegato certamente sul puffo cuoco.
E mi raccomando attenti d’ora in avanti, perché ogni volta che raccogliete un fungo, può significare lo sfratto esecutivo per una famiglia di puffi…

Advertisements

Written by Michele

24 aprile 2013 a 14:57

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , , ,

32 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. ecco…non mangerò mai più un fungo… 😦

    liberadidire79

    26 aprile 2013 at 10:54

    • Hahaha ma no. Son buonissimi. Al massimo sbocconcelli anche un puffo insieme 😉

      Michele

      26 aprile 2013 at 10:58

  2. Sono tardi o è ancora aperta la cucina per un po’ di salsapariglia, gentile puffo cuoco?
    Ah ah ah… che forte questo post, non conoscevo tutto questo – un grande puffo per augurare un pomeriggio puffoso!

    raggioluminoso

    25 aprile 2013 at 17:00

    • Ahahah la cucina é sempre aperta 🙂
      Buona puffosa serata

      Michele

      25 aprile 2013 at 17:01

  3. ahahah manca una puffetta mora nel villaggio!
    non ho capito: la salsapariglia è un fungo o una foglia? e si mangia davvero?

    (al_nick_ci_penserò!)

    25 aprile 2013 at 08:41

    • Haahha si vero. Ci vorrebbe proprio una bella puffetta mora.
      La salsapariglia era una foglia. Ma penso proprio sia inventata. Quindi difficile da trovare 😉

      Michele

      25 aprile 2013 at 09:27

  4. Ma dai! Io non la sapevo tutta la storia di origine dei puffi…e neanche ricordavo la salsapariglia!!! Eppure i puffi li guardavo…che memoria corta! 😦 ma poi, nel tuo sogno, che sapore aveva la salsapariglia? Per esserti rimasta la voglia doveva essere proprio buona…vabbè dai, chiudo il monologo…CHE E’ MEGLIO! 😉

    • Hahaa sai che il sapore non lo ricordo? Ma sicuro era molto gustosa.
      Ma i miei ricordi dei primi puffa a fumetti saranno dei primi anni 70 😉

      Michele

      24 aprile 2013 at 22:35

  5. Saresti il puffo cuoco, che crea la salsapariglia che piace tanto alle puffette blu e così diventeresti il puffo playboy. Che ne pensi?

    fulvialuna1

    24 aprile 2013 at 21:37

  6. Ma quante cose interessanti
    Quasi quasi resto a cena
    Un salto puffoso
    Senty

    sentimental

    24 aprile 2013 at 19:39

    • Ah a cena da me si mangia strabene. Sono un cuoco eccellente e sto per pubblicare un libro di ricette afrodisiache 😉

      Michele

      24 aprile 2013 at 19:42

  7. ma che sogni fai?
    che carini che erano i puffi però… 🙂
    buon pomeriggio puffoso 🙂
    lella

    lella

    24 aprile 2013 at 17:11

  8. Sapevo che la salsapariglia la mangiavano i puffi, ma ignoravo che era una pianta! pensa te!

    cmq il puffo cuoco era il puffo golosone! 🙂 (ti si addice) 🙂

    itacchiaspillo

    24 aprile 2013 at 17:10

  9. Non sapevo cosa fosse la salsapariglia dato che i puffi li guardavano i miei figli!
    Mi piace molto sognare e una notte senza sogni per me è una notte persa!
    Ciao Michele 😀

    liù

    24 aprile 2013 at 16:06

    • Eh la salsapariglia è cosa antica 🙂
      Ma concordo sui sogni. Io sono un sognatore da competizione

      Michele

      24 aprile 2013 at 16:08

  10. il mio ultimo sogno era più verso il parapiglia ! 🙂

    ludmillarte

    24 aprile 2013 at 15:35

  11. La salsapariglia proprio mi mancava! 😉

    luceombra76

    24 aprile 2013 at 15:20

    • Eh qui con me si scoprono sempre nuove cose. Ricchi premi e cotillon 🙂

      Michele

      24 aprile 2013 at 15:23

  12. ecco, ho fatto i sogni + assurdi ma quello davvero mai sognato

    Calipso la Liberidea

    24 aprile 2013 at 15:11


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: