Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Immagina!

with 27 comments

Seconda stella a destra
questo è il cammino
e poi dritto, fino al mattino
poi la strada, la trovi da te
porta all’isola, che non c’è

Imagina” (George Clooney)
Io credo fermamente nel potere che ha l’immaginazione di plasmare il mondo che ci circonda, e soprattutto il mondo interiore di ogni persona, di liberare, anzi di far deflagrare la verità dentro di noi, di allontanare le ombre, la disgrazia e a volte di trascendere persino la morte.
Perché in fondo l’amore, la passione, le emozioni più intense sono nutrite dall’immaginazione, che può farci divenire più saggi di quanto sappiamo, più nobili di come siamo, migliori di come ci sentiamo.
Credo, come Wilde, che l’immaginazione sia la qualità che è stata concessa all’uomo per compensarlo di ciò che egli non è, così come il senso dell’umorismo gli sia stato donato per consolarlo di quello ch’egli è veramente.
Per questo a volte mi piace cullarmi nell’immaginazione, lasciando andare la mente libera, vagante, chiudendo gli occhi e rilassando lentamente ogni parte del corpo, e così perdermi.
Nelle prime fasi tutto è molto semplice, predominano le associazioni con pacate armonie di colori,.
Dal nero totale iniziano ad apparire a sprazzi, a macchie via via più distinte, colori come azzurro, verde, viola, giallo, tutti con movimenti fluidi, come se vento o onde di mare li facessero oscillare, mescolandoli tra loro, in combinazioni sempre più audaci.
Andando avanti però tutto diventa sempre rosso e nero, ardente e insieme gelido, lava, fuoco incandescente che cova sotto la cenere, immani macigni roventi che ruzzolano da scoscesi pendii, tempeste e cicloni di bibliche proporzioni, maremoti e onde altissime che travolgono ogni ostacolo.
Mi perdo in una violenza cosmica lasciandomi trasportare dall’infinito.
E tutto questo senza alcuna necessità di allucinogeni o aiuto esterno, basta il semplice pensiero defocalizzato.
Perché l’immaginazione sovrasta la realtà giungendo veloce ai confini estremi della memoria, del sogno, del desiderio, non conosce barriere o esitazioni, lambisce il reale confondendolo nella ricerca di immagini e situazioni, infiltrandosi tra le pieghe del ricordo, miscelandolo con il sogno.
Allontana il tempo, spezza il silenzio e soddisfa il bisogno della mente suscitando passione.
Molto spesso poi l’immaginazione scivola nel sogno, in una transizione lenta e intelligibile tra veglia e sonno, quando la mente razionale non controlla ormai più le immagini, i cui fili pendono ormai tra le dita dell’io profondo, nascosto e totalmente onesto dell’ego sopito.
Un po’ come accaduto questa notte.
Quando poco a poco l’immagine di sconvolgimenti oceanici ha lasciato il posto ad una lunga, interminabile spiaggia di sabbia bianchissima, incontaminata.
Io ero lì, nudo, insieme ad una bellissima donna, anch’essa nuda.
E scopavamo… Scopavamo… Scopavamo senza sosta.
Poi, ad un certo punto…
È finita la sabbia…

Advertisements

Written by Michele

26 maggio 2013 a 10:06

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , ,

27 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. I tuoi finali mi lasciano sempre senza parole e poi mi fanno fare un gran sorriso!
    sei bravissimo,fai pensare chissà cosa e poi plof smonti il pensiero con una delle tue geniali battute! 😉
    Ciaooooo 😀

    liù

    27 maggio 2013 at 13:30

    • Hahaha la vita è già troppo seria per non prenderla sul ridere.

      Michele

      27 maggio 2013 at 13:32

  2. Ecco perchè non trovavo più l’isola, ti sei portato via tutta la sabbia…..
    Scherzi a parte, quanto aiuta l’immaginazione, a volte è meglio di un farmaco.

    fulvialuna1

    27 maggio 2013 at 11:53

    • hahaah già 😉
      sì, l’immaginazione è immensa, infinita se sai padroneggiarla

      Michele

      27 maggio 2013 at 12:10

  3. Alle volte un fiume di pensieri e sensazioni ti conduce, però, laddove non vorresti arrivare.
    E senti l’urlo lacerante del silenzio.
    Puoi allontanare le ombre, è vero, ma anche unirti ad esse.
    Nonostante questo, però, sognare ad occhi aperti è ciò che amo di più.
    E temo non smetterò mai 🙂

    lajulz

    26 maggio 2013 at 23:33

    • Già anch’io. Adoro sognare così. È come vivere mille nuove vite

      Michele

      26 maggio 2013 at 23:40

  4. Che è “scopare”?

    Elisabetta Lelli

    26 maggio 2013 at 22:37

  5. Ecco.
    Ci sono sensazioni e momenti ai quali non riesco a trovare un nome preciso.

    “Pensiero defocalizzato”: lo farò anche mio.

    Balente

    26 maggio 2013 at 15:08

  6. Ti assicuro: l’Isola c’è! 😉

    tramedipensieri

    26 maggio 2013 at 11:56

  7. “Cosa sarebbe delle persone nell’inferno se non potessero sognare il paradiso?” è una delle citazioni che più amo..

    Calipso la Liberidea

    26 maggio 2013 at 10:15


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: