Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Mi Manchi

with 39 comments

Mi manchi

Dolce, viscerale e infinito amore mio, ho qualcosa di vitale da confessarti sai, e ho paura, quasi terrore ora di parlare, di dirti ciò che devo. Mi sono goduto così magnificamente con te questa indimenticabile settimana di passione e piacere sfrenato in quest’oasi di paradiso tropicale. Ci siamo conosciuti così casualmente, come se il destino stesso ci avesse scagliato l’uno tra le braccia dell’altra.
Il dado dalle infinite sfaccettature di Caos ha rotolato lungo le nostre vite ed è uscito così incredibilmente, miracolosamente il nostro numero, insieme.
Siamo così fuggiti insieme qui, a perderci in questo splendido resort sul mare trasparente dei caraibi, nella follia di un ferragosto perfetto, tutto nostro, da assaporare giorno per giorno. Ecco perché ora, che la nostra meravigliosa vacanza sta terminando, è così difficile, così doloroso per me rivelarti la verità. Ammettere che ti ho mentito, svelare che ho una moglie e quattro figli, che tutti gli impegni, i progetti condivisi in questa nostra spensierata, libera settimana sono solo un sogno, una bolla di sapone che sta per scoppiare, lasciando solo pochi istanti di tenue riflesso arcobaleno prima di svanire nel nulla. È davvero uno strazio lasciarti così, dopo mille piaceri e promesse.
E così, dopo aver finalmente svelato la verità che mi opprimeva ormai i pensieri scappo, fuggo di corsa vigliaccamente dalla stanza. E già inizi a mancarmi.
Supero con sguardo folle e lacrime agli occhi la piscina, e mi manchi.
Veloce, senza nemmeno guardarmi indietro, esco dal villaggio, e mi manchi ancora.
Ora corro disperato lungo la spiaggia, sento la sabbia calda sotto i piedi, che rallenta la mia corsa sfrenata, il vento afoso dell’estate tropicale che mi scuote i capelli, che toglie il fiato e mi fa ansimare, e ancora mi manchi.
Ma non posso fare altro, devo solo correre, correre ancora, e ancora, e ancora.
Almeno finché non finirai tutti i proiettili.

Advertisements

Written by Michele

3 marzo 2014 a 09:48

Pubblicato su racconti

Tagged with , , , , ,

39 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. A Michè pure tu mi manchi e pure le borse e le scarpe. Porcapuzzolina e pizzettina sono in un momento altalenante. Ora ricomincio, e domani non smetto.

    Naaaaaaaaaaa birretta virtuale e una focaccia li dietro al negozio.

    Pepe

    4 marzo 2014 at 18:13

    • AhAhaha brava brava. Ma la birretta sarebbe meglio reale. Prima o poi ce la beviamo.
      Buona serata 🙂

      Michele

      4 marzo 2014 at 19:19

      • Io ho voglia di andare in moto quindi causalmente passerò di li! E che cavolo!!

        Pepe

        4 marzo 2014 at 20:25

  2. Ogni promessa è debito però ussignor … si rischia l’impallinamento dalle tue parti. 😦
    Munizioni terminate … almeno spero! 🙄
    Hai tenuto tutti col fiato sospeso lasciandoci correre dietro le tue parole in un crescendo di trepidazione per la tua sorte e pfuiiii … ce l’hai fatta! 🙂 Decisamente una scrittura accattivante, piacevole ed intrigante.
    Con il tuo permesso vado a leggere ancora … e poi torno.
    Grazie Michele, ti lascio un abbraccio 😉

    afinebinario

    4 marzo 2014 at 13:15

    • Hahaha ma grazie. Leggi tutto quello che vuoi. E un piacere.
      Abbraccione

      Michele

      4 marzo 2014 at 13:19

  3. ma come… con quattro figli a casa che ogni sera ti aspettano per chiederti: “‘u purtasti ù pane papà?”
    tu te ne vai ai caraibi con una sgallettata per una giocata ai dadi??? Sei un briccone :mrgreen:

    TADS

    TADS

    4 marzo 2014 at 10:30

  4. Ahahah sei irresistibile!!

    elinepal

    4 marzo 2014 at 08:37

  5. Perchè sprecare tutti quei proiettili…io avrei usato un bazooka 😉

    fulvialuna1

    3 marzo 2014 at 20:31

  6. Beh, che dire? Nei tuoi racconti il finale è sempre sorprendente. Un giorno forse scopriremo qual è il vero Michele, il dolce sentimentale o il cinico farceur. Onestamente a me piace l’abbinamento. 😉
    Buon pomeriggio 🙂
    Primula

    Primula

    3 marzo 2014 at 17:18

    • Ah sicuramente un intrecciato mix.
      In fondo sono grande. Contengo moltitudini 😉
      Buon pomeriggio a te. E grazie

      Michele

      3 marzo 2014 at 17:38

  7. hahaha
    Che matto!

    lavenererossa

    3 marzo 2014 at 13:48

  8. Quado è capitato a me, per caso e non per voler essere una strega bugiarda ;-), pensavo stesse chiudendo un occhio… uffa solo dopo mi accorsi che era per prendere la mira!!

    MIriam

    3 marzo 2014 at 12:25

    • hahaha eh sempre pericoloso l’occhiolino, non si sa mai che può accadere 😉

      Michele

      3 marzo 2014 at 12:27

  9. 😀 a certi post dovresti mettere le avvertenze: attenzione da non leggere al lavoro! Io rido come una pazza… Mi licenzieranno! 😀

    itacchiaspillo

    3 marzo 2014 at 11:32

  10. Uff….che paura…dalle prime righe, quasi non ti riconoscevo!!!!!

    stephymafy

    3 marzo 2014 at 11:06

  11. ahahahah…….sinceramente me l’aspettavo il finale a sopresa, fantastico 😉
    Buon inizio settimana 🙂

    Silvia

    3 marzo 2014 at 10:39

  12. Genio 😀

    Emily

    3 marzo 2014 at 10:01

  13. Ecco! Li ho finiti, adesso puoi riprendere a camminare. P.S. I 4 figli non me li dovevi nascondere amo’! 😀

    Daniela Pungitore

    3 marzo 2014 at 09:54

  14. stupenda michele…….
    buongiorno…..

    marcello

    meo..... laura

    3 marzo 2014 at 09:49


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: