Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

L’effimero

with 22 comments

L’Effimero

Dove c’era solo il suo mucchio di sabbia, uguale a quello di tutti gli altri, costruì un castello, ma la sua fantasia era unica, inafferrabile.
Osò, si lanciò in una costruzione ardita, alta e possente.
Poi, non pago, con il fuoco che ardeva in lui l’arrossò, sciolse e mutò in fluido rovente.
Il castello brillò e si fece trasparente, come per magia, e, in pochissimo tempo, le torri svettarono altissime verso il cielo.
Ma più le guglie salgono più si perde il contatto con il terreno e basta una vibrazione perché  tutto si incrini e il cristallo esploda in frammenti luminosi ferendo occhi, mani e volto.
Così accadde quando, mai sazio, tentò di giungere oltre il cielo.
Schegge impazzite si sparsero in una cascata rifulgente lungo l’infinito arenile, tra i mille e mille castelli di sabbia bagnata che osservarono silenti, continuando le loro esistenze immutabili.
L’immagine effimera di quella altissima torre lucente però non lasciò mai più davvero i loro cuori monotoni.

Annunci

Written by Michele

17 marzo 2014 a 10:24

22 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Costruire fino ad aver voglia di toccare l’impossibile a volte è dannoso, si può crollare…Ma l’uomo vi può rinunciare? Non credo.

    fulvialuna1

    17 marzo 2014 at 22:06

    • Eh no. Tendere all’infinito è naturale. E irrinunciabile 🙂

      Michele

      17 marzo 2014 at 22:08

  2. Meraviglioso! Ed e’ questo che io vorrei da te, mio caro amico.
    La scrittura che parte dal cuore non e’ mai effimera, perche’ si “piazza” nel cuore di chi la legge.
    Castelli di sabbia ne costruisco ogni giorno, ed ogni giorno arriva un’ondata a distruggerli.
    Ma io sono qui, con in mano i miei sogni ed i miei castelli, a sperare che la bassa marea mi dia il piacere di poter arrivare fin sulla vetta per osservare da li’ l’orizzonte. E che visione ogni volta che riesco a raggiungerla, caro Michele!
    Ti bacio come sempre.
    Frilly 🙂

    Daniela Pungitore

    17 marzo 2014 at 20:24

    • Ma grazie. Eh già lo voglio anche io da me 😉
      E che i sogni si innalzino sempre più. Senza timore.
      Bacio a te frilly

      Michele

      17 marzo 2014 at 20:25

  3. Lo hai scritto tu Michele?
    Bello davvero.
    Luna

    luna

    17 marzo 2014 at 14:57

  4. bellissimo, davvero.. grazie A,

    Amor et Omnia

    17 marzo 2014 at 13:16

  5. Complimenti Michele, davvero significativo. La fatica di costruire, di osare e di sognare e restare comunque legati alle molteplici possibilità..

    buona giornata
    .marta

    tramedipensieri

    17 marzo 2014 at 13:05

  6. quello che ognuno di noi si porta dentro, nessuno lo puo’ rendere mutabile… bella storia Michele! un grazie, art 🙂 e buona settimana…

    zerogravity

    17 marzo 2014 at 10:54

  7. Bello ed emozionante……anche senza finale a sorpresa 😉
    Buon inizio settimana 🙂

    Silvia

    17 marzo 2014 at 10:34

    • grazie, eh ogni tanto il racconto dev’essere anche serio 😉
      buon lunedì a te

      Michele

      17 marzo 2014 at 10:34


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

LapostrofoAura

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: