Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Chi le scende e chi le sale

with 46 comments

There’s a lady who’s sure
All that glitters is gold
And she’s buying a stairway to heaven.
When she gets there she knows
If the stores are all closed
With a word she can get what she came for.
Ooh, ooh, and she’s buying a stairway to heaven.

Certamente tutti, chi più intensamente chi meno, stiamo cercando la nostra scala, l’irta salita che conduce al proprio paradiso.
E non parlo dell’ultraterreno illusorio luogo di beato riposo, ma di ciò che ogni persona vede come l’apice quaggiù. Il paradiso terreno.
Certo ogni persona ne avrà un concetto, una visione differente, chi lo identifica con un amore profondo, appassionato, chi con la felicità, chi con la ricchezza o la fama o persino il potere.
Certo il più delle volte si sale a fatica scale che, prima o poi, inesorabilmente ridiscendono a precipizio e chissà, per alcuni raggiungere questo paradiso potrebbe voler dire discendere fino agli abissi più tenebrosi, perché in fondo paradiso o inferno sono solo le due facce della stessa medaglia, della stessa emozione.
Così come il piacere non è altro che un dolore molto più dolce.
Certo tutti vorrebbero un bell’angelo, con splendide bianche ali che ci afferri stringendoci forte e ci sollevi senza sforzo, rapidamente lungo la scalinata fino a giungere in un lampo nei giardini del paradiso, ma questa fortuna capita davvero a pochi, spesso si è già fortunati se dell’angelo si ha anche solo una fugace visione, un intimo istante di contatto prima di vederlo svanire dall’occhio della mente.
E poi ancora ad arrancare, di nuovo tutti a passo di corsa lungo un’altra salita sperando che sia finalmente quella giusta.
Ed io? Io naturalmente credo ancora, sempre nel paradiso, ma penso che non sia affatto un luogo da cercare fuori, oltre. Perché lo si può trovare solo dentro, nel proprio io profondo, nella propria anima, quando senti davvero di far parte di qualcosa, di appartenere a qualcuno.
E se riesci a trovarlo quel momento può durare per sempre.
Certo che però meditandoci sopra, il paradiso è sempre preferibile per il clima…
Ma l’inferno per la compagnia…

Advertisements

Written by Michele

28 marzo 2014 a 14:17

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , , ,

46 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Salire nella vita secondo me sarebbe innanzitutto fare un lavoro che ti piace, e poi amare con passione e sincerità . Tra sali e scendi gli anni passano é il tempo perduto non torna più .buon fine settimana 🙂

    wsa0

    4 aprile 2014 at 22:31

    • Eh si una splendida salita quella.
      Grazie. Buon weekend a te 🙂

      Michele

      4 aprile 2014 at 22:32

  2. A kiss from paradise 🙂

    Daniela Pungitore

    31 marzo 2014 at 11:47

  3. Salire, salire, salire sempre. Verso il proprio paradiso o inferno l’importante è non tornare indietro verso ciò che non siamo più o non sentiamo più di essere. Anche solo star fermi a guardare il paesaggio va bene, ma mai indietro.

    itacchiaspillo

    29 marzo 2014 at 17:54

  4. L’ c’è fuoco che arde…Lo sapevo io dove andavi a parare! 🙂

    fulvialuna1

    29 marzo 2014 at 15:24

  5. Mitici i Zeppeling!

    tramedipensieri

    28 marzo 2014 at 21:28

  6. A me fanno più paura le discese.

    Ella von Matsch

    28 marzo 2014 at 20:34

    • Beh la discesa se ti lasci andare è ebbrezza da velocità 🙂

      Michele

      29 marzo 2014 at 00:50

  7. io scendo…

    I.

    interrotta

    28 marzo 2014 at 19:29

    • A volte nei sotterranei si nascondo emozioni e scoperte irrinunciabili 😉

      Michele

      28 marzo 2014 at 19:32

  8. Sempre convinta, senza presunzione ovviamente, che questa scala ce la costruiamo noi, “this ladder to the stars” come cantava Bob Dylan in Forever Young. E se anche scivoliamo di qualche gradino pazienza! Fermarsi, respirare, godersi il panorama il tempo necessario e riprendere poi il climbing.
    Buon weekend 🙂
    Primula
    P. S. Il brano dei Led è semplicemente fantastico. Ascoltato mille volte, quel vinile è stato letteralmente consumato!

    Primula

    28 marzo 2014 at 18:55

  9. Al momento sono ferma sullo stesso gradino ma almeno il mio sguardo è rivolto in alto 😉
    Buon we Maic!
    Un abbraccio

    labloggastorie

    28 marzo 2014 at 18:08

  10. ps la cena (fine ultimo della presentazione) com’è andata?

    sherazade

    28 marzo 2014 at 17:28

  11. oppure possono essere tanti piccoli Paradisi vissuti con onestà.Sentire gli Led Zeppelin è di per sè un attimo paradisiaco.
    Il Paradiso è un puzzle di bei sentimenti condivisi o fatti crescere dentro di noi.

    sherasaggezzafabellezza

    sherazade

    28 marzo 2014 at 17:27

  12. Uno dei miei gruppi preferiti di sempre, i Led Zeppelin.

    Topper

    28 marzo 2014 at 16:34

  13. ahahahah…..sempre il solito! La penso anch’io come te….il paradiso o l’inferno li abbiamo dentro 🙂

    Silvia

    28 marzo 2014 at 16:22

  14. ma inferno e paradiso non sono poi così distanti… l’ideale sarebbe vivere in paradiso, e scendere ogni tanto a farsi una birretta in compagnia!

    Bia

    28 marzo 2014 at 14:54


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Debs and the City

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: