Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Una Briciola al giorno… resta la fame!

with 42 comments

Ti bastan poche briciole
Lo stretto indispensabile
E i tuoi malanni puoi dimenticar
In fondo basta il minimo
Sapessi quanto è facile
Trovar quel po’ che occorre per campar!

Mi hanno detto che una delle espressioni che uso spesso: “parecchiotto” sa di orso!
Curiosa l’idea di pensarmi come orso, in fondo l’orso è un animale che mi è sempre piaciuto molto, da bimbo avevo una splendida collezione di orsi di peluche, e il primo di cui ho memoria, Bubu, era un delizioso orsetto azzurro che resterà sempre nel mio cuore.
Pensando a me come orso certo mi viene in mente Yoghi (mi piaceva da morire) e ovviamente per la sua smodata passione per i cestini della merenda.
Che dire poi di Napo Orso Capo, che in effetti in quanto a capelli mi somiglierebbe assai.
Però alla fine l’orso che più mi vedo affine resta il mitico, tenero, ironico Baloo, de “il libro della giungla”, da cui la canzone citata.
Però è davvero così mi chiedo? Bastano sul serio poche briciole? Il minimo?
In teoria è una bella filosofia di vita, semplice e pura, soddisfacente forse, eppure conoscendomi ammetto che, da goloso gaudente, adoro il superfluo, perlomeno in certe cose (molte in verità).
Per cui se proprio dovessi finire perso in una foresta tropicale mi potrò anche adattare alla filosofia Balooide, ma nel frattempo penso che continuerò a professare l’Epicureismo, e come dice il dotto fondatore nella sua
Lettera sulla Felicità:
Principio e radice di ogni bene è il piacere del ventre” (e io lo intendo in senso molto lato).
E visto che la vita scorre così rapidamente, persino per un orso, occorre cogliere e assaporare tutti i piaceri, sublimemente.
Che persino l’attesa del piacere è essa stessa piacere.
Che come direbbe Razzi:
Il piacere èbbello!
Caro amico… fatti i cestini della merenda tuoi e fotti quelli degli altri! Che son tutti malviventi!

Annunci

Written by Michele

29 maggio 2014 a 13:29

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , ,

42 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. L’hai presente il testo originale?

    Con il gioco “bare/bear necessities” secondo me è pienamente in linea con la tua filosofia di vita 🙂

    raccoltaedifferenziata

    31 maggio 2014 at 14:45

    • Ahhah no. Effettivamente al l’originale non avevo pensato 🙂

      Michele

      31 maggio 2014 at 14:46

  2. Perchè accontentarsi delle briciole se si può avere tutta la pagnotta? Vedi: politici, monsignori, cariche amministrative, calciatori….altro che cestini, tutto i mercato rionale!
    Le briciole toccano a noi poveri comuni mortali.
    Però a me gli orsi me piacciono, mi suscitano tenerezza anche con il loro aspetto da…”orsi” (che non ho mai capito perchè li si nomina quando uno è un pò scorbutico o vuole stare per i fatti suoi).

    fulvialuna1

    30 maggio 2014 at 21:47

  3. Mi associo alla mia bella amica itacchiaspillo, teneroso ed anche “culturoso”. Perche’ non e’ facile scrivere un post parlando di Yoghi, passando per Baloo ed arrivando ad Epicuro. Certo, accontentarsi delle briciole non e’ cosa facile, specie se si e’ abituati a pasti luculliani. 🙂

    Daniela Pungitore

    30 maggio 2014 at 18:51

    • Hahaha già. La briciola logora chi non ha la focaccia 😉
      Bacione

      Michele

      30 maggio 2014 at 18:51

  4. Che dire… a volte il superfluo è davvero indispensabile 😉
    Ciaooo
    Luna

    luna

    30 maggio 2014 at 18:00

  5. Avevo anche io un orso di nome bubu. Era il capo dei miei peluche! 🙂

    Di briciole si muore e io sono per i pasti luculliani

    Cmq tu più che ad un orso somigli parecchio (parecchiotto) ad un tenerorso 😉

    itacchiaspillo

    29 maggio 2014 at 16:21

    • Hahaha bubu è bellissimo per il primo orso 🙂
      Concordo sui pasti luculliani. Lo sai
      Tenerorso mi piace.

      Michele

      29 maggio 2014 at 16:26

  6. Quando ti leggo mi torna il sorriso…grazie! 65Luna

    65luna

    29 maggio 2014 at 15:55

  7. Ci si accontenta quando si è coscienti che non si può ottenere di meglio, ma l’ambizione e il desiderio di avere sempre di più fanno parte della nostra natura umana. Ciao.

    Antonio Tomarchio

    29 maggio 2014 at 14:37

  8. Se penso alle briciole non penso all’accontentarsi…penso che di tante briciole è fatto il pane…
    Ti abbraccio Maicorso! :*

    labloggastorie

    29 maggio 2014 at 14:14

  9. La vita è già dura di suo. Se ci dovessimo accontare delle briciole fineremmo poi a cercare sotto il tavolo se è rimasto qualcosa. Se si vuole qualcosa, bisogna puntare in alto.
    🙂

    fariv66

    29 maggio 2014 at 14:00

    • già, verissimo, come direbbe il vecchio mike, sempre più in altoooo! 🙂

      Michele

      29 maggio 2014 at 14:02

  10. briciola? e anche a me mi chiamavano briciola!
    massi, sarai anche orso ma sei di quelli buoni…..che poi…. io adoro gli orsi.
    un abbraccio

    nicole

    29 maggio 2014 at 13:57

    • haahah già, un orso tanto buonino 🙂
      abbraccione a te 🙂

      Michele

      29 maggio 2014 at 13:59

      • ma quello non era lupo de lupis? ahhhaaaa

        nicole

        29 maggio 2014 at 14:13

        • ahahha vero vero, vedi, sei attenta ahahah

          Michele

          29 maggio 2014 at 14:17

          • ahhhaaa ho una memoria grande io!! ahhaaaa

            nicole

            29 maggio 2014 at 14:21

            • Hahaha già vedo. Grandissima 🙂

              Michele

              29 maggio 2014 at 14:23

              • ehh?!? ma te lo ricordi l’idiota? ahhhhaaaa quasi mi apro un blog va, tanto un commentatore c’è… e sei tu no??!

                nicole

                29 maggio 2014 at 14:26

                • ahahah era fantastico lupo de lupis, lo adoravo da bimbo
                  riaprilo riaprilo 😉

                  Michele

                  29 maggio 2014 at 14:28

                  • Miche… la nuova mail…….(la prima parte che sai eh? e poi…@libero.it
                    ahhhaaaaa ma io non sono normale! ahhhaaaa
                    un bacione a te, e le vetrine? ahhaaaaaa

                    nicole

                    29 maggio 2014 at 14:31

                    • haha merci, le vetrine molto bene 😉

                      Michele

                      29 maggio 2014 at 14:31

                  • togli il poi…. ahhhaaaa
                    @libero.it

                    nicole

                    29 maggio 2014 at 14:32

                    • ahhaah sìsì ci ero arrivato, sono un piccolo genio 😉

                      Michele

                      29 maggio 2014 at 14:36

                  • un genio tu? e bè… non dirlo a me! ahhhaaaaa
                    ciao
                    a presto

                    nicole

                    29 maggio 2014 at 14:52

  11. La filosofia dell’accontentarsi non é solo triste, ma patetica. Credi davvero che i suoi fautori si siano mai ritrovati con solo una briciola? Io no 😉

    mimi

    29 maggio 2014 at 13:45

  12. la “joie de vivre”…
    consiste nell’avere nel piatto e nel letto ciò che più piace.

    TADS

    TADS

    29 maggio 2014 at 13:40


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

Laura Ruggiero

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: