Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Posts Tagged ‘cioccolato

Uno tira L’altro

with 68 comments

cioccolatiniIn questi giorni di Chocoday a Novi, con il negozio che rigurgita di cioccolatini, perché la cosa più bella del weekend del chocoday è che mi portano una sacchettata di cioccolatini da urlo, mi rammento di Forres Gump, e il suo: La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai che ti capita.
E pensandoci potrei andare oltre!
La vita è in fondo è proprio come un cioccolatino.
Può essere forte, con caffè amaro dentro.
Allegra, con una ciliegia intinta nello sherry.
Inebriante, con abbondante ripieno di rum scuro.
Croccante, con deliziose nocciole.
Esotica, ai profumi di cannella e zenzero.
Seducente, con pizzichi di peperoncino e labbra morbide a porgertelo.
Stupefacente, con misteriosi proibiti ingredienti.
Triste, senza zucchero e alla soia.
Divertente, se Ambrogio arriva con una piramide di dolcezza
Amara ma intensa, solo puro fondente nero.
Dolcissima, al latte e con morbido scioglievole ripieno.
Estatica e irripetibile, quando ti mangi tutta la scatola e trovi un secondo strato sotto il primo!

 

Written by Michele

11 ottobre 2014 at 13:14

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , ,

Cuoco

with 29 comments

Cuoco

– Tu che sei un così bravo cuoco, mostrami una bella ricetta erotica, dai! Insegnami!
Qualcosa di piccante e stuzzicante, che faccia impazzire.
– Ma certo, ecco appoggiati al tavolo e inizia a fare a cubetti regolari questo cioccolato fondente.
– Allora è un dolce? Bello, mi piace.
Ma? Ma?
Perché mi spingi giù?
Perché mi sollevi la gonna?
Perché mi abbassi le mutandine?
Perché…? Perché…
Certo che è stata una ricetta davvero profondamente erotica, e molto molto gustosa.
Ma perché ho dovuto fare a cubetti il cioccolato?
– Perché io adoro il fondente nero con il Rum dopo l’orgasmo.

Written by Michele

24 aprile 2014 at 13:34

Goloso o non goloso? Questo è il dilemma

with 62 comments

Principio e radice di ogni bene
è il piacere del ventre.

(Epicuro, Lettera sulla Felicità)

E mi sa che il vecchio Epicuro se ne intendeva parecchiotto, e questo vale per entrambe le interpretazioni che si possono dare alla sua frase.
Ebbene sì, lo confesso, sono un goloso.
Il buon cibo e le buone bevande mi donano un piacere fisico, quasi equiparabile a quello amoroso (fermi! ho detto quasi!).
E poi amo azzardare, creare nuovi assaggi e nuove golosità, e come chiamare se non goloso azzardo una delle mie creazioni più sublimi,colombasandwich che ogni anno a pasqua torna a deliziare la mia gola?
Il mitico, irrinunciabile, indescrivibile panino di colomba e uovo nocciolato lindt!
Di cui vedete qui a lato un pratico esempio.
E vi assicuro che se non avete mai deliziato il vostro palato con il connubio di colomba e cioccolato vi state perdendo un frutto del giardino delle delizie.
Perché come mi ha detto una carissima amica su facebook alla vista di questa foto (ebbene sì, ho diffuso la creazione su ogni media conosciuto, per donare al mondo la mia golosa saggezza), “questo sandwitch è la prova vivente che io non crescerò mai”!
E infatti intendo mantenere perpetuamente il mio lato fanciullescamente entusiasta e disarmante, proprio per sempre.
E se mai dovrò un giorno perderlo ho deciso che mi ucciderò io stesso.
Impugnerò 44 magnum e via…
Uno a uno me li mangerò tutti!

Written by Michele

23 aprile 2014 at 14:03

È sempre meglio un uovo oggi!

with 32 comments

uovoEd eccoci così quasi a Pasqua
E ovviamente il simbolo ormai classico della pasqua è lui, l’immancabile goloso sorpresadotato uovo di cioccolata.
Io però da moltissimo tempo ho un particolare rapporto con le uova di pasqua, le adoro certo, soprattutto l’immancabile nocciolato metà fondente metà al latte della Lindt che immancabilmente, come da pluridecennale tradizione, la mia mamma mi regala ogni anno, me l’ha portato giusto stamattina.
E a chi eventualmente pensasse se non sono ormai troppo grande per l’uovo di pasqua, rispondo seriamente che mica devo entrarci dentro!
Ma tornando a monte, c’è sempre un piccolo però che mi perseguita fin da una lontana pasqua del 71 (o 72 non ne sono certo).
In quell’anno, come capitava sempre da piccolo per le vacanze pasquali, mi trovavo a Rapallo (dove possiedo una casa) insieme ai miei nonni paterni (che si trasferivano a Rapallo per tutto il periodo invernale), in attesa che la domenica di pasqua i miei genitori e i miei zii ci raggiungessero per festeggiare come da vecchia tradizione di famiglia la pasqua laggiù.
Come sempre (normale per un bambino di 5 (o 6) anni, l’attesa spasmodica era proprio per l’uovo che sarebbe arrivato insieme ai miei la domenica mattina e anche quell’anno non fece eccezione, o meglio in effetti ci fu un arrivo eccezionale, perché mio zio con una botta immensa del suddetto aveva vinto il primo premio della pasticceria Vercesi (una delle migliori di tortona che oltre tutto si trova accanto al mio negozio) consistente in un immane, mirabolante, gigantesco uovo di pasqua, la cui altezza superava la mia di almeno quattro dita.
Immaginate la mia gioia sfrenata di bambino (sono oltre tutto sempre stato un bambino estremamente allegro, ma quella volta…) nel vederlo entrare dalla porta.
Mai, nemmeno nei sogni più sfrenati, avevo pensato potesse esisterne uno di tali dimensioni inusitate, ed era tutto mio! Soprattutto la sorpresa che ero certo sarebbe stata bellissima, superba e imperdibile, proporzionatamente alle dimensioni dell’uovo.
Fu una cena stressantissima, perché tutto quello che desideravo era finisse in fretta per procedere alla fatale rottura,
Finalmente, dopo una (per me) lunghissima attesa, giunse il momento fatidico.
Vederlo senza la carta colorata fu sublime, un immenso ovale di cioccolato che mi attendeva inerme, e dovetti colpirlo molto forte con un pugno un paio di volte per riuscire a spezzarne la spessa dolce scorza, poi affondai ardentemente le mani all’interno per estrarne un grosso involucro rettangolare che lo aprii vorace, straziando la carta protettiva… per trovare all’interno una enorme tovaglia verde con tovaglioli per otto persone…
Questo mi provocò certamente una delle maggiori delusioni della mia infanzia, e da allora la sorpresa delle uova di pasqua ha perso gran parte del mistero e interesse per me, sovrastata dalla golosità del perdermi immancabilmente nel sapore di cioccolato alle nocciole.
Comunque… auguri di buona Pasqua a tutti, e di ottime sorprese, se non nell’uovo nella giornata!
E seguite un amichevole e utile mi consiglio:
A Pasqua siate buoni, salvate anche voi un agnello…
Fatevi una pecorina!

Written by Michele

18 aprile 2014 at 13:54

Caffè? Te? Me?

with 33 comments

Caffè? Grazie, ma non ne voglio questa sera.
Lo so, vado a dormire presto,
oppure salto il pasto e scappo via

Il caffè, profumata e desiderabile miscela, che da sempre è una di quelle cose che resta un mistero per me.
In effetti mi piace molto, però non provo mai quel “bisogno” di caffè che vedo pervadere la maggior parte delle persone che mi circondano, io in verità a casa nemmeno ho mai posseduto una caffettiera, non mi piace il caffè fatto con la moka, e sono quindi solito bere caffè quasi esclusivamente dopo cena, al ristorante, e qualche volta al bar, nel pomeriggio, generalmente poco dopo aver aperto il negozio.
Solo di recente ho investito in una magnifica macchina iperespresso Illy da tenere in casa, e devo ammettere che da quelle capsule esce un gran bel caffettino, anche se continuo a berne saltuariamente in casa.
Eppure è innegabile che mi piaccia, ma non ne sono “addicted” come direbbero gli anglosassoni.
In effetti mi rendo conto che su di me nulla è mai diventato davvero un vizio irrefrenabile, nemmeno il fumo ha mai fatto presa.
Ho fumicchiato qualche sigaretta da ragazzo, ma mai ho preso il “vizio”, e lo stesso vale certamente per alcuni piccoli “assaggi” di sostanze proibite, che possono essermi persino piaciute ma mai da farmene sentire un bisogno insopprimibile.
Che io sia immune all’assuefazione? O forse sono sempre così tante le innumerevoli voglie che mi aggrediscono quotidianamente che nessuna di esse potrà mai esercitare davvero un predominio assoluto sulle altre.
Certo che l’espresso del caffè al bar (specialmente quando trovo l’Illy) è decisamente eccellente, soprattutto se poi mutato in “bicerin” alla torinese (per chi non lo conoscesse si tratta di una delizia immane, di caffè e cioccolata fondente, la perfezione è tuffare un gianduiotto nella tazzina di caffè appena fatto).
Ma non va mai dimenticato che diffusi studi scientifici hanno comprovato che il caffè bollente riduce di due terzi la potenza sessuale di un uomo…
Prima gli brucia le dita e poi la lingua…

 

Written by Michele

16 gennaio 2014 at 14:24

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , ,

back from Bologna

with 25 comments

1400466_10202291891082481_532063086_o

EOtto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-000d è con viva e vibrante soddisfazione che sono tornato sabato da Bologna, dopo due eccellenti serate. Sia l’aperitivo di presentazione del libro sia la cena sono andati ottimamente.

Ambiente splendido a Ottoincucina, il piacere di una amichevolissima compagnia e una cucina davvero professionale in cui mi sono deliziosamente dilettato nel preparare numerose ricette dal mio libro per la gioia (si spera) dei partecipanti ai due eventi.

Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-004

 

L‘aperitivo si è sviluppato con piacevoli chiacchiere e bevute con amici di vecchia data e molte nuove piacevoli conoscenze, cui ho propinato dal libro diverse ricette, come l’insalata di patate e alici marinate allo zenzero, il tortino di fichi, caprino e cipolle rosse, le polpette patate e zenzero ai profumi indiani e le penne curry, piselli zucca e zenzero fritto, che hanno riscosso un notevole successo.

 

Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-008Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-006

Certo il clou però è stato la serata di venerdì, con la vera e propria cena afrodisiaca.

Dove ho ripetuto l’insalata di patate e alici marinate allo zenzero, poi gamberoni alla Michele, potage Pompadour, risotto birra zenzero e mortadella (scelta ovvia trovandomi a Bologna) e un azzardato ma gustoso filetto di maiale al cioccolato, per finire i cuori caldi di cioccolato con salsa di frutti di bosco e lingue di gatto (purtroppo questi sono stati la sola cosa non uscita esteticamente perfetta, ma visto che non ne è avanzato uno, non mi lamento).

insalata di alici marinate allo zenzero e patateOtto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-012Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-014Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-017Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-019cuori caldi di cioccolato

Ho peraltro davvero capito quale paiolo esagerato si facciano i cuochi professionisti, visto che per una cena per una dozzina di persone ho lavorato più di 4 ore nel pomeriggio, più la preparazione vera e propria durante la cena, protrattasi dalle 8,30 a quasi l’una, per fortuna tra la soddisfazione davvero commovente dei commensali paganti, e devo ammettere che, cucinare così, professionalmente per sconosciuti avventori paganti, è davvero cosa diversa dal farlo a casa per amici.
Ma si è instaurato uno splendido rapporto di chiacchiere e risate, e visto che il cibo (abbondante) è andato alla grande e che tutti hanno poi comprato una copia del libro avendone apprezzato le ricette direi che la soddisfazione è stata enorme, soprattutto mia.
Ma alla fine penso di cucinare bene anche perché da piccolo sono caduto in un burrone…
E mi sono unto tutto!

Written by Michele

14 ottobre 2013 at 11:27

io e la due giorni Bolognese

with 28 comments

Messaggio pubblicitario

sessantasfumaturedigolaEbbene sì, oggi niente post deliranti o onirici, ma mi autopromuovo, perché giovedì e venerdì sarò a Bologna per un paio di deliziose (si spera) iniziative di presentazione del mio libro di ricette afrodisiache.
Presso L’associazione enogastronomica Ottoincucina (via del Genio 8, Bologna)
Giovedì 10, dalle ore 18,30 un Aperitivo con la felsinea  presentazione del libro, e alcune delle ricette del libro come stuzzichino.

Venerdì 11, invece la vera e propria Cena Afrodisiaca, in cui cucinerò alcune delle ricette per i fortunati (si spera) commensali

E se qualche lettore si trovasse a passare dalle parti di Bologna e gli pungesse vaghezza di passare a trovarmi ne sarei oltremodo felice.
N
aturalmente mi impegnerò a fondo nel godermi il piacere delle preparazioni, perché in fondo cucinare è come fare l’amore: dev’essere fatto in totale abbandono o non fatto per niente.
Anche se prenderò la cosa con la consueta ironia e leggerezza, siccome più tempo e fatica ci vogliono a preparare la cena, più alta è la probabilità che gli ospiti parlino tutta la sera di altre cene a cui sono stati.
Mi resta solo un piccolo dubbio su una parte del dolce.
Perché la ricetta dice espressamente, una volta rotte le uova, di separare i tuorli, e poi di montare la Chiara…
Io quindi le ho telefonato, ma non ne ha voluto proprio sapere…

Written by Michele

8 ottobre 2013 at 14:07

Pubblicato su libri, pensieri

Tagged with , , , , ,

Habemus Ebook!

with 32 comments

60sfumaturecopertinaHabemus Ebook!
È finalmente è uscito l’Ebook del mio libro di ricette, sui principali store online.
Certo vedere il proprio libro, con nome e cognome su Amazon fa un gran bell’effetto:
http://www.amazon.it/Sessanta-sfumature-gola-enogastronomia-ebook/dp/B00E5X694Y/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1374833132&sr=1-1&keywords=cogni
E
ora attendo il 2 Settembre per l’uscita della versione cartacea, che sicuro sarà una soddisfazione ancora più grande, e l’ego caprioleggerà alquanto.
Per festeggiare quindi lascerò qui un assaggio, uno degli ingredienti afrodisiaci su cui si basa il libro.

CIOCCOLATO

Tutto ciò di cui ho bisogno è amore. Ma un po’ di cioccolata, ogni tanto, non fa male. (Lucy van Pelt, Peanuts)

In tema di cibi afrodisiaci, è impossibile non parlare del cioccolato, quello che veniva chiamato dai Maya”kakaw uhanal” ovvero “cibo degli Dei”, e il suo consumo era riservato solo ad alcune classi elevate della popolazione (sovrani, nobili e guerrieri).
Successivamente ai Maya anche gli Aztechi iniziarono la coltura del cacao e la produzione di cioccolata. Associavano il cioccolato a Xochiquetzal, la dea della fertilità e usavano il cacao in chicchi anche come moneta di scambio.
Si narra che Montezuma ne consumasse sempre una tazza prima di recarsi nelle stanze femminili del suo harem. Nelle Americhe il cioccolato veniva consumato generalmente come bevanda, chiamata xocoatl, spesso aromatizzata con vaniglia, peperoncino e pepe. Tale bevanda era ottenuta a caldo o a freddo con l’aggiunta di acqua e eventuali altri componenti addensanti o nutrienti, quali farine e minerali o miele.
Furono poi gli europei, e in particolar modo gli ordini monastici spagnoli, depositari di una lunga tradizione di miscele e infusi, che aggiunsero la vaniglia e lo zucchero per correggerne la naturale amarezza e tolsero il pepe e il peperoncino, che solo in tempi recenti è tornato ad aromatizzare il cioccolato con la sua piccantezza, raddoppiandone il potere afrodisiaco. Il cioccolato è senza dubbio in stretta relazione con l’amore, la passione e il desiderio. Tipicamente, quando ci si sente giù, quando il cuore è infranto, quando vogliamo colmare un vuoto, pensiamo di risollevarci tuffandoci nel cioccolato. Dal lato strettamente scientifico poi il cioccolato contiene teobromina, che agisce come stimolante, aumentando energia, prontezza di riflessi, concentrazione e desiderio sessuale, e feniletilamina, che viene prodotta naturalmente dal corpo durante l’innamoramento.
Io poi personalmente trovo nella sua bontà e scioglievolezza qualcosa d’inafferrabile e d’incantatore, di magico e irresistibile.
Ma è veramente un afrodisiaco? Secondo diverse prove, si.
Il cioccolato contiene tre sostanze che lo giustificano: caffeina, teobromina e feniletilamina.
La caffeina agisce come uno stimolante. La teobromina stimola i muscoli cardiaci ed il sistema nervoso. La feniletilamina è considerata una sostanza che migliora lo stato d’animo e che funge anche da anti-depressivo.
La combinazione di queste tre sostanze fornisce energia, accelera il battito cardiaco e rende la persona più eccitata e frivola.
Alla cioccolata e al suo potere afrodisiaco inoltre si ispirano innumerevoli opere letterarie e non, come il film Chocolat, con Juliette Binoche e Johnny Depp, ripreso dall’omonimo libro di Joanne Harris, dove il cioccolato diviene un richiamo al piacere, alla complicità e la chocolaterie è una boutique in cui appagare totalmente i propri sensi.
Anche il più grande seduttore della storia, Giacomo Casanova, usava come arma segreta per conquistare le donne il cacao presente nella cioccolata, oltre allo lo zinco contenuto nelle ostriche.
Coltivare i piaceri dei sensi è stata per tutta la mia vita la mia principale occupazione, e non ne ho mai avuta altra più importante. Sentendomi nato per l’altro sesso, l’ho sempre amato e mi sono fatto amare per quanto possibile. Ho molto amato anche la buona tavola e insieme tutte le cose che eccitano la curiosita” ha confessato Casanova nella: “Storia della mia vita”.
Anche lo scrittore D’Annunzio era solito mangiare cioccolato fondente prima di un incontro amoroso e pare che innumerevoli altri personaggi storici lo trovassero afrodisiaco, tra cui Mozart, Goethe e madame de Pompadour.
Il cioccolato è pertanto l’alimento che ci tira su di morale quando ci sentiamo a terra, ci fa sentire allegri anche se siamo soli, ci da forza quando siamo abbattuti, ci da coraggio nelle situazioni difficili.
Non esiste un momento sbagliato per gustarlo, ma ne esiste sicuramente uno in cui non può mancare: una cena romantica.
Se avete attentamente preparato il menu, studiato una stuzzicante atmosfera, scelto l’abito adatto, e soprattutto il giusto commensale, resta solo una cosa da fare assolutamente: Avete bisogno di una portata al cioccolato!
È quindi ormai una certezza che la cioccolata sostituisca il sesso in molte funzioni chimiche cerebrali…
e io che non sapevo di aver fatto sesso così tanto…

Written by Michele

27 luglio 2013 at 13:39

Pubblicato su libri

Tagged with , , , ,

Un Bacio? anzi Due!

with 38 comments

Con 24000 baci così frenetico è l’amore
in questo giorno di follia
ogni minuto è tutto mio… 

Proprio adesso, alla faccia di ogni dieta, mi sono mangiato ben due baci perugina, che sono tra i cioccolatini che preferisco in assoluto.
Infatti adoro i baci in ogni forma o luogo.
E mi sono quindi ritrovato fra le mani anche due delle tipiche frasi tenere tenere, dolci, da innamorato, che da sempre li accompagnano.
Una è:
“È preferibile l’aver amato e aver perso l’amore al non aver amato affatto. (lord Tennyson) “.
Per carità, su questa posso anche essere d’accordo, anche se resta decisamente meglio amare ed essere anche amati, diventa decisamente più soddisfacente la cosa.
E al limite, piuttosto che perdere, darsi da fare per almeno pareggiare.
L’altra, molto più criptica, è direi tipica della scuola di scrittura orientale:
“Il cuore di una donna è sfuggente come una goccia d’acqua su una foglia di loto. (proverbio cinese)” .A
parte l’oggettiva difficoltà di procurarmi una foglia di loto per controllare l’esempio, penso che in verità non sia il cuore a essere poi sfuggente, di solito è tutta la donna stessa che fugge, se non le piaci, e hai voglia a correrle dietro.
Peraltro mi chiedo, ma se per caso non piove?
La donna sfugge meno?
Ecco perché di recente ho meno successo con l’altro sesso, una primavera piovosa così non si era mai vista.
Ma vi confesso che in realtà credo poco alle frasi d’amore dei cioccolatini.
L’unica cui crederei davvero avrebbe scritto: “Guarda che stai ingrassando pirla!”

 

Written by Michele

29 maggio 2013 at 13:40

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , , ,

Pasqua al cioccolato

with 22 comments

ma che bontà, ma che bontà,
ma che cos’è questa robina qua,
ma che bontà, ma che bontà,
ma che gustino questa roba qua

Eccoci giungere a pasqua, una pasqua dall’atmosfera novembrina, ma sempre pasqua è.
Naturalmente faccio i miei auguri a tutti voi che con mia immensa gioia passate di qui, regalandomi momenti di piacere e serenità quotidiani, quindi un bacio a tutti voi, persino agli eventuali uomini, ma sì che è pasqua, festeggiamo!
E per degnamente festeggiare, come di consueto da quando ero fanciullo, la mia mammetta mi ha regalato un gigantesco uovo nocciolato lindt (bigusto latte-fondente), la cui scioglievolezza mi allevierà da ogni pensiero o eventuale tormento dell’animo per diversi giorni.
Perché sicuramente il piacere di mordicchiare, assaporare, gustare a fondo un bel pezzo di cioccolata ricoperta di nocciole è secondo solo a quello di provare le stesse sensazioni con il collo, e le molteplici altre sensibilissime parti del corpo di un’eccitata e vogliosa fanciulla.
Però, in mancanza di vogliosa fanciulla sottomano, al momento mi accontenterò dell’uovo lindt, che certamente conterrà la solita tremenda e inutile sorpresa, seppure ogni volta in cui mi trovo sul punto di spezzarlo, di schiudere quel dolce e goloso involucro, per un attimo mi chiedo cosa vorrei mai veramente trovare al suo interno.
Inevitabilmente troppi pensieri si accavallano nella mente senza assumere in fondo una compiutezza precisa, troppi sogni, troppi desideri che si accalcano come anime in pena ansiose di oltrepassare l’oblio per giungere a compimento.
I pensieri vengono poi rapidamente obnubilati dalla gola, che destata dal profumo ineguagliabile del cacao inizia a acquolinare le papille spingendo al primo assaggio.
Soprattutto per poi combinare meravigliosamente la colomba con i pezzi di uovo, in un dolce irrinunciabile sandwich di delizia.
Poi, da studi scientifici, pare che la cioccolata sostituisca il sesso in molte funzioni chimiche cerebrali.
Non sapevo davvero di aver fatto sesso così tanto e così spesso nella mia vita…
Certo è sempre presente quella malefica vocina che dice che il cioccolato fa male, ingrassa, ed è solo un surrogato del piacere e della felicità…
Però in fondo guido troppo veloce per preoccuparmi del colesterolo…

Written by Michele

29 marzo 2013 at 14:17

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , , ,

Makeupraimbow

Everyday something new for us...:-)

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note dal Caos

Scrivere è dar voce al silenzio.

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

LapostrofoAura

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

The Globetrotter

It's always time to jump on a plane!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Parole & Psiche

a cura di Deborah Talarico

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

Scimmie Urlatrici

"Malinconici nell'aspetto, nella voce, nel comportamento" Alexander Humboldt

Lupetta above all

...i miei pensieri...

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: