Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Posts Tagged ‘cucina

Cantù che ti passa

with 29 comments

sessantasfumaturedigolaA Cantùùù trallallà trallallà trallallà…
a Cantùùù…
No, non mi sono completamente rimbambito, non più del solito perlomeno.
Ma giovedì sera sarò al Ristorante Garibaldi al Cantù, per una serata di mangiacomescrivi, una cena “piccante” (Menu con 15 varietà di peperoncino, salse e oli, da aggiungere e degustare) per presentare di nuovo il mio libro di cucina afrodisiaca, Sessanta sfumature di Gola, oltre tutto devo pure decidermi a scrivere un nuovo racconto sul tema, visto che da vincitore del passato concorso omonimo, per racconti erotici che miscelino gola e lussuria non posso certo esimermi dal ritentare.
(Chi fosse curioso e volesse leggere il suddetto racconto lo trova tra quelli linkati qui a lato: Nuda e Cruda, oppure cliccando direttamente sul titolo qui)
E se qualche lettore volesse cimentarsi può trovare sul sito Eroxe  il bando del concorso.
E per prepararmi alla serata oggi penso mi preparerò un bel piatto di spaghetti…
Stanlio olio e peperoncino!

Annunci

Written by Michele

10 marzo 2014 at 11:59

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , ,

Spezziamo un’arancia!

with 17 comments

Le bionde trecce gli occhi azzurri e poi
le tue calzette rosse
e l’innocenza sulle gote tue
due arance ancor più rosse

Ieri sera, tornato a casa dopo il consueto calcetto del martedì, nonostante la lauta cena in trattoria dopo, con gli amici, mi è venuta un’improvvisa, strana voglia di frutta.
E così mi sono sbucciato e mangiato una dolce, fresca e rossa arancia (per fortuna ce n’erano un paio in casa).
Immagino che ora vi starete chiedendo che cosa c’è di strano.
Il fatto è che io di frutta non ne mangio praticamente mai.
Io e la frutta siamo tendenzialmente quasi incompatibili, la maggior parte dei frutti più comuni non mi piacciono, in primis le fragole, e qui credo di rappresentare già una grande rarità, oltre tutto io non sopporto assolutamente ciò che è anche minimamente aspro, e il mio concetto di aspro è assai sensibile, quindi esclude praticamente ogni agrume, salvo le arance veramente dolcissime e mature.
Tra i pochi frutti che in fondo non mi dispiacciono, anche se li mangio comunque molto di rado, restano giusto banane, mele (confesso di farmi ancora, certe volte, la mela grattugiata con lo zucchero come mi preparava la mia mamma quando ero bambino), ananas (ma mi piace più che altro quello che mangi ai direttamente caraibi, maturato sulla pianta) e ben poco altro, l’unica mia passione sono le pesche (anch’esse però molto dolci e mature) tagliate a fettine, condite con miele e abbondante cannella e lasciate almeno un paio d’ore a riposare in frigo.
Naturalmente anche il dottore mi dice sempre che dovrei mangiare più frutta, più frutta.
E io faccio davvero tutto il possibile per accontentarlo…
Ogni volta che prendo un Manhattan ci faccio sempre mettere ben tre ciliegine…

Written by Michele

5 febbraio 2014 at 13:53

Pubblicato su pensieri

Tagged with , ,

back from Bologna

with 25 comments

1400466_10202291891082481_532063086_o

EOtto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-000d è con viva e vibrante soddisfazione che sono tornato sabato da Bologna, dopo due eccellenti serate. Sia l’aperitivo di presentazione del libro sia la cena sono andati ottimamente.

Ambiente splendido a Ottoincucina, il piacere di una amichevolissima compagnia e una cucina davvero professionale in cui mi sono deliziosamente dilettato nel preparare numerose ricette dal mio libro per la gioia (si spera) dei partecipanti ai due eventi.

Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-004

 

L‘aperitivo si è sviluppato con piacevoli chiacchiere e bevute con amici di vecchia data e molte nuove piacevoli conoscenze, cui ho propinato dal libro diverse ricette, come l’insalata di patate e alici marinate allo zenzero, il tortino di fichi, caprino e cipolle rosse, le polpette patate e zenzero ai profumi indiani e le penne curry, piselli zucca e zenzero fritto, che hanno riscosso un notevole successo.

 

Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-008Otto-in-cucina-libro-60-sfumature-di-gola-2013-10-10-006

Certo il clou però è stato la serata di venerdì, con la vera e propria cena afrodisiaca.

Dove ho ripetuto l’insalata di patate e alici marinate allo zenzero, poi gamberoni alla Michele, potage Pompadour, risotto birra zenzero e mortadella (scelta ovvia trovandomi a Bologna) e un azzardato ma gustoso filetto di maiale al cioccolato, per finire i cuori caldi di cioccolato con salsa di frutti di bosco e lingue di gatto (purtroppo questi sono stati la sola cosa non uscita esteticamente perfetta, ma visto che non ne è avanzato uno, non mi lamento).

insalata di alici marinate allo zenzero e patateOtto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-012Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-014Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-017Otto-in-cucina-cucina-afrodisiaca-2013-10-11-019cuori caldi di cioccolato

Ho peraltro davvero capito quale paiolo esagerato si facciano i cuochi professionisti, visto che per una cena per una dozzina di persone ho lavorato più di 4 ore nel pomeriggio, più la preparazione vera e propria durante la cena, protrattasi dalle 8,30 a quasi l’una, per fortuna tra la soddisfazione davvero commovente dei commensali paganti, e devo ammettere che, cucinare così, professionalmente per sconosciuti avventori paganti, è davvero cosa diversa dal farlo a casa per amici.
Ma si è instaurato uno splendido rapporto di chiacchiere e risate, e visto che il cibo (abbondante) è andato alla grande e che tutti hanno poi comprato una copia del libro avendone apprezzato le ricette direi che la soddisfazione è stata enorme, soprattutto mia.
Ma alla fine penso di cucinare bene anche perché da piccolo sono caduto in un burrone…
E mi sono unto tutto!

Written by Michele

14 ottobre 2013 at 11:27

io e la due giorni Bolognese

with 28 comments

Messaggio pubblicitario

sessantasfumaturedigolaEbbene sì, oggi niente post deliranti o onirici, ma mi autopromuovo, perché giovedì e venerdì sarò a Bologna per un paio di deliziose (si spera) iniziative di presentazione del mio libro di ricette afrodisiache.
Presso L’associazione enogastronomica Ottoincucina (via del Genio 8, Bologna)
Giovedì 10, dalle ore 18,30 un Aperitivo con la felsinea  presentazione del libro, e alcune delle ricette del libro come stuzzichino.

Venerdì 11, invece la vera e propria Cena Afrodisiaca, in cui cucinerò alcune delle ricette per i fortunati (si spera) commensali

E se qualche lettore si trovasse a passare dalle parti di Bologna e gli pungesse vaghezza di passare a trovarmi ne sarei oltremodo felice.
N
aturalmente mi impegnerò a fondo nel godermi il piacere delle preparazioni, perché in fondo cucinare è come fare l’amore: dev’essere fatto in totale abbandono o non fatto per niente.
Anche se prenderò la cosa con la consueta ironia e leggerezza, siccome più tempo e fatica ci vogliono a preparare la cena, più alta è la probabilità che gli ospiti parlino tutta la sera di altre cene a cui sono stati.
Mi resta solo un piccolo dubbio su una parte del dolce.
Perché la ricetta dice espressamente, una volta rotte le uova, di separare i tuorli, e poi di montare la Chiara…
Io quindi le ho telefonato, ma non ne ha voluto proprio sapere…

Written by Michele

8 ottobre 2013 at 14:07

Pubblicato su libri, pensieri

Tagged with , , , , ,

Aperitivo milanese con libro

with 32 comments

aperitivo a milano

tu fretta di vivere qualcosa
e ogni cosa è già un ricordo liso
e adesso la pubblicità

Connotando il presente post come velatissimo messaggio pubblicitario, oggi niente profonde elucubrazioni mentali o intensa peccaminosa immaginazione, ma un invito, invito a tutti gli amici e anche agli sconosciuti che passano da queste parti e che potrebbero trovarsi a Milano questo sabato.
Perché con magnifica organizzazione de l’officina del piacere, presenterò il mio libro di cucina afrodisiaca “sessanta sfumature di gola” con un lungo aperitivo, dalle 18, presso il Frida Isola, via Pollaiuolo 3, naturalmente Milano.
E così insieme potremo prendere la vita cum grano salis.
Più una fetta di limone… E una bella tequila…

Written by Michele

11 settembre 2013 at 14:23

Pubblicato su libri, pensieri

Tagged with , , ,

Sessanta Sfumature di Gola

with 14 comments

sessantasfumaturedigola

 In attesa dell’imminentissima uscita cartacea del mio libercolo di cucina afrodisiaca:
“sessanta sfumature di gola” è nata anche l’omonima pagina di facebook (per chi si diletta anche nel zukemberghiano social la porta è apertissima)

https://www.facebook.com/sessantasfumaturedigola

In realtà, seppur in fondo io creda al potere di certi cibi preparati con cura di suscitare desiderio, io ho sempre pensato che ciò che conti davvero nel rendere eccitante una cena siano più che altro i pensieri, gli sguardi, i gesti.

L’osservarsi reciprocamente gli occhi, le labbra, la bocca mentre si riempie e svuota progressivamente, il gusto di godere di come si assaporano, anche in maniera provocante i bocconi più succulenti, di come le mani si muovono sul piatto e ancora di più intorno al calice, di come il vino scivola lungo il cristallo per riversarsi tra le labbra, bagnandole delicatamente.

Ed è proprio  in queste percezioni sensoriali, capaci di provocare sguardi e gesti di reciproca intesa, di profonda complicità, che risiede e vive il vero potere afrodisiaco del cibo, perché la stimolazione del palato non tarda poi ad espandersi ed a coinvolgere tutti gli altri sensi.

Anche perché onestamente cosa si desidera sempre appagare prima di tutto, se non la mente?

Non c’è piacere più grande per appagare il cervello e la mente delle curiosità, delle fantasie, il vero alimento dell’intelligenza e dello spirito. Perché in fondo nati non fummo a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza.

E qui esco un attimo dal discorso e mi autocompiaccio per la dantesca citazione, alla faccia della cara professoressa di italiano che per 5 anni di liceo ha sostenuto (in verità abbastanza a ragione) che non aprissi mai la divina commedia.

In fondo è innegabile che il rapporto con il cibo sia un momento importante della nostra vita, con una simbologia e un valore che trascendono ormai la sua semplice, iniziale funzione nutritiva, e così  insieme al piacere della gola la stessa Afrodite balza protagonista, perché le sensazioni gustative inconsciamente rievocano le molte altre piacevoli sensazioni corporee fino ad unire indissolubilmente eros e cibo.

E se poi si invita a cena una deliziosa fanciulla, e grazie al cibo preparato con cura e seguendo le ricette adatte, le sue labbra si fanno infuocate, i suoi tremiti si fanno impetuosi tra le tue braccia, gli occhi ardono e si dilatano… Scordatela, sicuramente ha la malaria…

 

Written by Michele

31 agosto 2013 at 13:19

Pubblicato su libri, pensieri

Tagged with , , , ,

Sapori

with 40 comments

Narciso, parole di burro
si sciolgono sotto l’alito
della passione
Narciso trasparenza e mistero
cospargimi di olio alle mandorle
e vanità

Eccomi qua, anche oggi sono qui, e a differenza di altre volte non solo ho delle idee per il post odierno, ma ne ho troppe.
E troppe idee, troppi pensieri possono essere peggio di nessuno.
Perché così non si sa da dove iniziare, dove finire e soprattutto quale scegliere, così inizio a scrivere a caso, mangiucchiando golosamente una delle mie caramelle alla cannella, e il sapore di cannella (di cui sono intensamente goloso) che si espande sulla lingua, tra le labbra fa affiorare pensieri golosi, pensieri che hanno a che fare con gusto e sapori.
Perché in fondo il vero piacere è gustare i sapori, imparare ad apprezzarli, se non tutti almeno la maggior parte, e questo naturalmente vale in ogni aspetto della vita.
In fondo si deve amare la varietà meravigliosa, e io spesso mi sento così, vario intendo, non esagero dandomi pure del meraviglioso, va bene avere una elevata concezione del proprio ego, ma mi limito.
Però è vero, ci sono momenti in cui mi sento oscillare tra infiniti gusti e sapori, nessuno predominante e tutti curiosi, da assaggiare.
Sono a volte barbera, fermo, pastoso, tannico, a volte frizzante e sensuale come champagne, oppure ambrato, forte e dare alla testa come rum estremamente invecchiato.
E poi posso essere cannella appunto, quindi speziato ed esotico, o peperoncino, rosso e piccante, o maionese, morbido e delicato, e poi senape bruciante.
Mousse al cioccolato, dolce ed eccitante, fresco e goloso come gelato al torroncino o caldo e fragrante come una torta appena sfornata.
Perché se è possibile che sia stato dio a fare il cibo…
Certamente il diavolo ha creato il cuoco…

Written by Michele

30 luglio 2013 at 13:35

Pubblicato su pensieri

Tagged with , , , , ,

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note dal Caos

Scrivere è dar voce al silenzio.

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

LapostrofoAura

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di Inchiostro

a cura di Deborah Talarico

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

Il benessere secondo Sara

Mens sana in corpore sano

Scimmie Urlatrici

"Malinconici nell'aspetto, nella voce, nel comportamento" Alexander Humboldt

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: