Michele (Caliban)

Perfidissimo Me

Me contro me

with 19 comments

Me contro me

Andò tranquillo quella mattina all’appuntamento.
In realtà non era un vero appuntamento, in quanto lui non ne sapeva nulla.
Lo divenne quando l’altro si fece avanti.
Lui sì che aveva atteso quell’appuntamento, lo aspettava da molto tempo, l’aveva immaginato sognato e pregustato per tutti i sette anni di lista d’attesa. E ora era finalmente lì, nel luogo e ora esatta dove ricordava si sarebbe trovato proprio quel giorno.
Si guardarono sorpresi straniti, come visioni confuse di sé in uno specchio distorto del luna park.
Quello che non sapeva dell’appuntamento impiegò qualche secondo per realizzare chi si trovasse davvero di fronte.
Poi con un brillio negli occhi e un sollevarsi di sopracciglia capì.
L’altro gli disse solo due parole:
«Non sposarla!» Prima di iniziare a svanire nell’aria.
Eppure avevo ancora tre minuti di tempo, secondo il contratto standard… pensò prima dell’oblio.
Lui stava andando proprio a ritirare le partecipazioni.
Confuso, con la mente in subbuglio, si voltò e tornò verso casa.
Il camion lo colpì senza che se ne accorgesse.

Annunci

Written by Michele

20 marzo 2014 a 13:51

Pubblicato su racconti

Tagged with , , , , ,

19 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Quando si dice “..non camminare mai distratti…”

    fulvialuna1

    21 marzo 2014 at 19:29

  2. il tuo finale l’ha salvato!!! ora dov’è? scherzi a parte, sai quanto mi piace leggerti: bella anche questa storia dal finale…travolgente!

    rossellacantisani

    21 marzo 2014 at 16:15

    • Haha chissà dove sarà.
      Grazie grazie sempre un piacere essere letto da te

      Michele

      21 marzo 2014 at 16:20

  3. bello, complimenti 😉

    capsilla

    21 marzo 2014 at 10:52

  4. Bello il paradosso, mi affascina. E’ solo che non mi quadra … muore … ma no certo … cambia tutto … e tutto cambia.
    Compliments!

    fariv66

    20 marzo 2014 at 21:52

    • Eh già. Cambia e muta la progressione temporale. Sempre in teoria 😉

      Michele

      20 marzo 2014 at 21:59

  5. Bravo, Semplicemente! Ciao,65Luna

    65luna

    20 marzo 2014 at 18:16

  6. Capperi che destino! 😦
    Il finale dei tuoi racconti è sempre “a sorpresa”, complimenti Michele.
    un abbraccio

    afinebinario

    20 marzo 2014 at 16:59

    • beh in effetti i finali sono una delle cose che amo di più immaginare, e con cui provare a stupire 🙂
      abbraccio a te

      Michele

      20 marzo 2014 at 17:16

  7. Urca!
    Cioè … ma non era preferibile sposarla a questo punto? 😀
    …che para…d’osso!

    tramedipensieri

    20 marzo 2014 at 16:08

  8. Probabilmente, meglio la morte che una moglie come quella che avrebbe avuto!

    Bia

    20 marzo 2014 at 14:13

  9. Gli è andata bene. Pensa se si fosse sposato…
    Sempre sorprendenti i tuoi racconti.

    Topper

    20 marzo 2014 at 14:02

    • hahahaha già, dalla padella nella brace 🙂
      (i paradossi temporali sono da sempre una mia passione)

      Michele

      20 marzo 2014 at 14:02


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ricette pensieri e idiozie

Non è un food blog, non è un diario, allora cos'è?

La Pillaccherona

... stai sempre a spilaccherà.

La ragazza che pedala

Scatto fisso, senza freni. Non posso fermarmi anzi non voglio farlo.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Noras Erotica

I'm just a puzzle that doesn't wanna be solved

the.blonde.emigrant

Random feelings, crazy life

Un Folletto in abito da sera

Io sono quella che, con le parole, crea origami per decorare le pagine

Rupestreblog

∃x(φ)

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Note di Rugiada

Scrivere è dar voce al silenzio

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

ipennaioli.wordpress.com/

I PENNAIOLI USANO ANCORA CARTA, PENNA E CALAMAIO. SCRIVONO DA ANNI RACCONTI E LI DIFFONDONO ATTRAVERSO PICCIONI VIAGGIATORI AI LORO LETTORI. ALCUNI AMICI NE HANNO SELEZIONATI E RACCOLTI UNA PARTE E HANNO APERTO UNA “BOTTEGA DELLE LETTERE” PER POTERLI DIVULGARE SPONTANEAMENTE ATTRAVERSO INTERNET. NE “LA BOTTEGA DELLE LETTERE” SONO CUSTODITI FRAMMENTI DI QUOTIDIANITÀ, VISSUTA O IMMAGINATA: ESPERIENZE, PARADOSSI, INNAMORAMENTI, EROS. UNA BOTTEGA APERTA AGLI AMICI E A TUTTI COLORO CHE PASSERANNO A trovarci e che con il loro sostegno ci stimoleranno ad esprimerci in modo sempre più creativo e fantasioso.

LapostrofoAura

Sono solo [Luoghi]. Altrove. @LapostrofoAura

Alessandra Favaro

Le emozioni non possono guarire i mali del mondo, ma permettono di sognare forte!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

maplesexylove

_Fall in love with style_

Alice Ayres

NEVER REPRESS YOURSELF

In punta di piedi

Entra in punta di piedi e spia nel buco della serratura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: